Le opinioni delle Pmi: Future of Business Survey

Il punto di vista degli imprenditori italiani: Future of Business Survey

Il Future of Business Survey, frutto di una partnership tra Facebook, l’Ocse e la Banca Mondiale è un progetto volto a garantire una nuova fonte di informazioni sulle piccole e medie imprese (Pmi) del Mondo. Il progetto ruota intorno ad un’indagine, realizzata con frequenza mensile, in grado di cogliere informazioni sul sentiment delle Pmi in  relazione ad alcuni macrotemi di stretta attualità, dall’andamento economico all’ambiente in cui operano, nonché le prospettive e le attese per il futuro. L’indagine, lanciata nel febbraio 2016, ha coinvolto ad oggi più di 362 mila imprese in 42 Paesi nei cinque continenti.

L’obiettivo generale di Future of Business Survey è quello di migliorare la comprensione delle tendenze economiche in atto e gli orientamenti futuri delle pmi. La piattaforma digitale dedicata alla survey offre, in questo modo, ai decisori politici, agli studiosi e al mondo dell’imprenditoria, l’accesso ai dati raccolti e agli indicatori di sistema costruiti. Uno strumento così globale, tempestivo e di facile consultazione rappresenta per le stesse piccole e medie imprese un’opportunità per cogliere i processi in corso, stimolando intuizioni capaci di determinarne ulteriormente la crescita.

Per valorizzare maggiormente l’indagine a livello nazionale è stata avviata una collaborazione tra Facebook Italia e il Censis, che si sta occupando di analizzare periodicamente i dati insieme a quelli provenienti dalle ricerche Censis relative al sistema delle imprese italiane, oltre che alla  progettazione di un set di domande specifiche per il contesto imprenditoriale nazionale. Tali domande saranno integrate con quelle già presenti nella survey e verranno poste alle Pmi italiane che risponderanno nei prossimi mesi all’indagine Future of Business. Questa partnership permetterà di indagare su alcuni dei fenomeni peculiari che caratterizzano le imprese italiane nel contesto socio-economico attuale.
Scarica il report completo

Per saperne di più sull’indagine

Lascia un commento